Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari

  • EMAIL: basilica@basilicadeifrari.it

  • TELEFONO E FAX: +39 041 272 8611

  • WEBSITE: www.basilicadeifrari.it

  • LOCATION: San Polo 3072 - Venezia

La Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari, iniziata nel 1340 ma completata più di cento anni dopo, conserva memorie e fasti di più di 500 anni di storia veneziana, basta solo pensare che al suo interno si trovano le spoglie di Antonio Canova (nella navata sinistra vicino all’entrata principale). Si dice che l’arco trionfale nella seconda campata della navata destra segni il punto in cui sarebbe sepolto Tiziano. Nella facciata di stile tardo-gotico il portale dà accesso al solenne INTERNO costituito da tre navate, divise da dodici poderosi piloni. A chiudere la navata centrale è rimasto così com’era e dov’era, il meraviglioso Coro dei Frati con i suoi 124 stalli lignei, di Marco Cozzi, intarsiati con vedute di Venezia. Uno dei maggiori capolavori ammirabili all’interno è l’Assunta di Tiziano, dietro l’altare maggiore: immersa nelle calde tonalità dell’oro e del rosso la Vergine Maria ascende verso Dio. Nella sagrestia, alla destra dell’altare sopraccitato, potrete trovare la “Madonna col bambino e Santi”, famosissimo trittico di Giovanni Bellini, nella sua cornice originale. Nella Navata sinistra al secondo altare, avrete la possibilità di ammirare un’altra celebre pala di Tiziano, la “Madonna di Ca’Pesaro” dove, i personaggi dela Famiglia Pesaro insieme ai SS.Francesco D’Assisi, Antonio Da Padova e Pietro, rendono, in un ardita composizione, omaggio alla Madonna avvolta da un bianco e luminosissimo velo.

Come arrivare : Vaporetto linea 1 , 2 direzione Ferrovia e scendere a San Tomà.

Orario Visite:

Lunedì-Sabato  9.00 - 18.00 (ultimo ingresso 17.30)

Domenica e feste 13.00 - 18.00 (ultimo ingresso 17.30) 

Biglietto intero: € 3,00

Biglietto ridotto: 1,50 (studenti fino a 29 anni)

Biglietto gratuito: residenti nel comune di Venezia, bambini fino a 11 anni, portatori di handicap e accompagnatore, soci ICOM E ICOMOS, guide autorizzate e capigruppo in servizio, funzionari del MIBAC.

Il biglietto d’ingresso per la visita alle opere presenti in Basilica è chiesto come contributo per i restauri, la sorveglianza e l’illuminazione permanente di tutte le opere.

location

Mappa
Facebook Comments