Le furlane

LE FURLANE

Se siete già stati a Venezia vi sarà capitato di vedere ai piedi di qualche gondoliere, particolarmente ligio alla tradizione, o appese fuori dall’entrata di caratteristici negozietti, delle pantofole/scarpette di velluto: le furlane. Se non siete mai venuti nella nostra splendida città lagunare potreste comunque averne sentito parlare qualche anno fa, visto che Giorgio Armani se n’è appropriato trovandole molto comode e decisamente trendy.

Le “friulane” o più dialettalmente “furlane”, sono calzature di antico disegno orientaleggiante che venivano usate nei tempi antichi in città soprattutto da gondolieri (avevano il pregio di non rovinare la vernice dell’imbarcazione), dai lavoranti nei forni dove si faceva il vetro, dai servi nelle locande e negli alberghi, e dagli anziani.

Sono fatte a mano, in corda e velluto nero. Ora, nella versione più moderna, hanno la suola ricoperta da un pezzo di coppertone di bicicletta e presentano spesso un vivace velluto multicolor anzichè nero. Una volta erano anche molto scollate e si usava appliccare una fascia elastica per evitare di perderle. Ora sono un interessante oggetto di moda da usare d’inverno come eleganti pantofole in casa o d’estate associate a un abito elegante o un kaftano.