La leggenda del Ponte del Diavolo di Torcello

LA LEGGENDA DEL PONTE DEL DIAVOLO DI TORCELLO

A Torcello esiste un ponte, chiamato Il Ponte del Diavolo, un nome che, per altro, non ha delle origini certe. C’è chi dice che Diavoli fosse il soprannome di una famiglia locale, ma c’è anche chi racconta una leggenda, che ha come protagonisti, una strega, un giovane austriaco, una giovane ragazza e il diavolo in persona.

LA LEGGENDA DEL PONTE DEL DIAVOLO DI TORCELLO

La leggenda narra che durante l’invasione austriaca, una ragazza veneziana si innamorò di un ufficiale dell’esercito, la loro unione però non era ben vista dalla famiglia di lei, che fece di tutto per evitare che la loro storia d’amore continuasse.

La ragazza venne allontanata da Venezia, fino a che non ricevette la notizia che il suo giovane amato era stato assassinato da mano ignota. Presa dalla disperazione smise di mangiare, stava abbandonando sè stessa alla morte, quando un amico di famiglia le consigliò di andare da una strega di sua conoscenza.

IL PATTO CON IL DIAVOLO

La strega incontrò la giovane e stipulò un patto con il diavolo: le anime di 7 bambini cristiani, morti prematuramente, in cambio del giovane austriaco. Il luogo pattuito per l’incontro è il ponte di Torcello.

Le due donne raggiunsero l’isola in barca e una volta scese sul lato destro del Ponte del Diavolo, la strega diede una candela accesa alla ragazza ed una moneta d’oro. Era il suo turno.  La ragazza attraversò il ponte, la strega invocò il demone che, appena vide la ragazza, sputò la chiave dello spazio e del tempo, in acqua, prendendo in cambio la moneta d’oro. In quel momento dall’altra parte del ponte apparve il giovane austriaco, la ragazza lo raggiunse e spense la candela. L’oscurità mostrò loro la strada per una vità felice.

La strega ancora doveva saldare il suo debito e si accordò con il demone per la consegna delle anime: il 24 dicembre era il giorno pattutito.

Tornata a casa, però, la strega fu uccisa da un giovane che aveva assistito alla scena e che voleva salvare le anime di questi poveri bambini. Il diavolo si presentò all’appuntamento, senza sapere le sorti che erano toccate alla strega e così, da quel giorno, ogni anno il 24 dicembre, il diavolo si presenta al Ponte del Diavolo di Torcello per riscuotere il suo pagamento, sotto forma di gatto nero.