Ville della Val d’Agno – Vicenza

VILLE DELLA VAL D’AGNO – VICENZA

Villa Loschi Zileri Dal Verme a Monteviale, località Biron

La grande casa padronale è settecentesca, attribuita comunemente al Muttoni o al Massari. Settecentesche sono anche la loggia tuscanica e la lunga barchessa situata sulla sinistra della casa. Dell’Ottocento sono le altre strutture e la cappella neogotica. All’interno affreschi di G.B. Tiepolo.

Villa Mocenigo Legrenzi a Creazzo

Detta “villa Sole” è posta nella parte più alta della collina. Un lungo edificio del Seicento di cui si ignora l’autore. L’andamento ricurvo della facciata si adegua all’andamento del terreno.

Villa Sale di San Damiano Curti a Sovizzo

Si trova proprio al centro del paese ed è un complesso di cospicue dimensioni. Il corpo centrale risale al tardo Cinquecento; le due ali sono state aggiunte all’inizio del Novecento.

(Visitabile su appuntamento)

Villa Trissino Barbaran a Castelgomberto

Costruzione settecentesca che incorpora molti elementi gotici appartenenti ad un edificio precedente del Quattrocento. Ora adibita dal comune a centro culturale.

Villa Piovene Da Porto a Schio

Fu costruita nel 1666 probabilmente su progetto di Antonio Pizzocaro.

Vi sono conservate, tra le altre, alcune tele di G.B. Tiepolo.

Villa Valle ora Marzotto a Valdagno

Edificio maestoso costruito alla fine del XVII secolo dall’architetto padovano Girolamo Frigimelia.

Il complesso è ora di proprietà del comune che vi ospita enti culturali.

Villa Trissino Marzotto a Trissino

La villa si compone di due costruzioni ben distinte: la villa superiore, che occupa effettivamente il sedime dell’antico castello, e la villa inferiore, posta lievemente più in basso.

La villa superiore venne progettata tra il 1718 ed il 1722 da Francesco Muttoni e completata da Girolamo Dal Pozzo.

La villa inferiore, eretta tra il 1722 ed il 1746, fu semidistrutta nel 1841 da un incendio causato da un fulmine.

(Visitabile su appuntamento)

Villa Da Porto Barbaran a Montorso Vicentino

La costruzione concepita su scala colossale è rimasta parzialmente incompiuta; vennero eretti solo il corpo della casa padronale e una barchessa. Vengono così a mancare sia l’ala che barchessa di sinistra.