Basilica di Santa Maria della Salute

BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SALUTE

La candida Basilica della Salute si staglia in tutto il suo candore sul Canal Grande

La Basilica della Salute è una delle poche chiese costruite per diretta decisione del Senato veneziano. Lo scopo era ringraziare la Vergine per aver fatto cessare una delle peggiori epidemie di peste che colpì Venezia. Il Santuario si erge in uno dei luoghi più prestigiosi della città, sul Canal Grande in prossimità del Bacino  San Marco.

La soluzione architettonica scelta per la Basilica della Salute era assolutamente rivoluzionaria per l’epoca e nacque dal progetto di un giovanissimo architetto: Baldassarre Longhena. Il grandioso monumento a pianta ottagonale, completamente rivestito di pietra d’istria, coronato da 2 cupole e fiancheggiato da due campanili venne costruito all’interno di un tessuto urbano assai modesto che ne risaltava la bellezza. Tuttora è una delle più belle e originali chiese veneziane.

Anche l’interno della Basilica della Salute è assolutamente mozzafiato: sei cappelle si innestano intorno allo spazio centrale coperto da un’alta cupola sorretta da otto enormi pilastri. L’altare maggiore venne progettato anch’esso dal Longhena che lo animò con le sculture di Josse Le Court (1670). Oltre alla sculture di Bartolomeo Bon, Tullio Lombardo e Gianmaria Morlaiter, la Basilica racchiude anche numerosi capolavori come la Pentecoste, San Marco in trono con i Santi Sebastiano, Rocco, Cosma e Damiano, il Sacrificio di isacco, Davide e Golia di Tiziano, e Le Nozze di Cana del Tintoretto.

Ogni anno la Basilica della Salute è meta di pellegrinaggio in occasione di una delle Feste veneziane più folcloristiche e sentite: la Festa della Madonna della Salute (21 novembre). Un ponte di barche viene costruito per unire le due sponde del Canal Grande e i pellegrini si recano ad accendere un cero in Chiesa, dopo aver fatto un giro tra le numerose bancarelle aperte nel vicino Rio terrà.